L'emergenza sanitaria COVID-19 ha portato alla luce una serie di criticità preesistenti a tutti i livelli. Un caso emblematico, nel contesto italiano, è senza dubbio quello della scuola, luogo tradizionalmente votato alla formazione e all'educazione di bambini e adolescenti. Il presente lavoro, partendo dalle nuove normative statali finalizzate alla riorganizzazione delle scuole durante la prima e la seconda fase della pandemia, cercherà di comprendere se e come queste abbiano tenuto conto delle normative internazionali e, soprattutto, dell'art. 11 della CRDP.

Il “test” della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità per la scuola italiana. Quale tutela per gli alunni più vulnerabili durante la pandemia?

Vincenzo Lorubbio
2021

Abstract

L'emergenza sanitaria COVID-19 ha portato alla luce una serie di criticità preesistenti a tutti i livelli. Un caso emblematico, nel contesto italiano, è senza dubbio quello della scuola, luogo tradizionalmente votato alla formazione e all'educazione di bambini e adolescenti. Il presente lavoro, partendo dalle nuove normative statali finalizzate alla riorganizzazione delle scuole durante la prima e la seconda fase della pandemia, cercherà di comprendere se e come queste abbiano tenuto conto delle normative internazionali e, soprattutto, dell'art. 11 della CRDP.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/452460
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact