Antonio Gramsci e Sylvia Pankhurst dopo la Rivoluzione d'ottobre