TRA IL VERBALE E IL VISIVO: CECCHI DAL CLASSICO AL POSTMODERNO