Questioni di prospettiva. Ancora su Orestano e la storicità