La trascrizione dell’accordo raggiunto dai coniugi in sede di negoziazione assistita: la Suprema corte fa (davvero?) chiarezza