Le discontinuità che seguono i grandi traumi: pensando al credito (e al debito), mentre la notte è ancora fonda