Porfirio di Tiro e le immagini del linguaggio omerico