Il giudice, il potere e la riserva di conoscenza