Heinrich Böll e Hans Werner Richter, intellettuali a confronto. Quel che resta di un "habitus"