Buona fede e invalidità: un binomio inedito