Opera di Giovanni Giustiniani da Candia pubblicata nel 1553, la Risposta di Carmide ateniese a Tito Quinzio Fulvio è ispirata alla celebre novella decameroniana di Tito e Gisippo. È una dotta orazione con la quale il protagonista Carmide, padre della quindicenne Sofronia, rimprovera a Tito il raggiro della figliola eseguito con la complicità di Gisippo. Il discorso autoassolutorio pronunciato da Tito nel Decameron non trovava d’accordo Giustiniani. Letterato umanista fedele alla lezione degli antichi, fervente cattolico sensibile alla dottrina erasmiana, maestro di grammatica incline all’insegnamento morale, con la sua operetta egli intende piuttosto celebrare l’amicizia onesta, l’agire virtuoso, la sacralità del vincolo coniugale. Lo sfondo è quello dell’età a cavallo tra Riforma e Controriforma, con i sopraggiunti indirizzi censori culminati nella condanna all’Indice del capolavoro boccacciano e nel successivo ciclo di rassettature a debellarne la licenziosità.

Una nuova testimonianza in volgare della fortuna umanistica di Boccaccio (Decameron X, 8).

Andrea Scardicchio
2019

Abstract

Opera di Giovanni Giustiniani da Candia pubblicata nel 1553, la Risposta di Carmide ateniese a Tito Quinzio Fulvio è ispirata alla celebre novella decameroniana di Tito e Gisippo. È una dotta orazione con la quale il protagonista Carmide, padre della quindicenne Sofronia, rimprovera a Tito il raggiro della figliola eseguito con la complicità di Gisippo. Il discorso autoassolutorio pronunciato da Tito nel Decameron non trovava d’accordo Giustiniani. Letterato umanista fedele alla lezione degli antichi, fervente cattolico sensibile alla dottrina erasmiana, maestro di grammatica incline all’insegnamento morale, con la sua operetta egli intende piuttosto celebrare l’amicizia onesta, l’agire virtuoso, la sacralità del vincolo coniugale. Lo sfondo è quello dell’età a cavallo tra Riforma e Controriforma, con i sopraggiunti indirizzi censori culminati nella condanna all’Indice del capolavoro boccacciano e nel successivo ciclo di rassettature a debellarne la licenziosità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/435621
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact