Una nuova testimonianza in volgare della fortuna umanistica di Boccaccio (Decameron X, 8).