La restrizione del credito in uno schema di teoria monetaria della produzione: il caso italiano