Vito Reale e la transizione dal fascismo alla democrazia (Seconda parte)