L'eredità di una "filosofia vivente"