Tra Giacomo e Giovan Angelo Del Maino, sullo scorcio del Quattrocento