La lingua, il caos e il mondo degli oggetti frattali. Su alcune prose di Kurt Schwitters