Shakespeare, Fletcher e l'imprevedibilità della canzone