«Febbre del bello e fede di far bene»: l’«Ettore Fieramosca» di Massimo d’Azeglio