Il dissenso come politica di noi stessi tra Patočka e Foucault