Il Principato di Salerno tra referendum e Corte costituzionale