Il Presidente della Repubblica non “arbitro”, ma “garante”