Gli epigrammi di Francesco Proto Carafa, duca di Maddaloni, si distinguono per il ponderato artifico parodistico e per la capacità di offrire una delle più vivide rappresentazioni della società del suo tempo, descrivendo i gravi problemi sociali, le debolezze umane, le ostilità politiche e intellettualistiche, i livori personali, i vizi del clero, rivelando una non comune capacità di sintesi poetica, sulla base della quale occorre riconoscere al Proto un posto di rilievo nel panorama della letteratura napoletana, e non solo, dell'Ottocento.

La frusta della società: gli epigrammi di Francesco Proto Carafa, duca di Maddaloni

Mirella Masieri
2017

Abstract

Gli epigrammi di Francesco Proto Carafa, duca di Maddaloni, si distinguono per il ponderato artifico parodistico e per la capacità di offrire una delle più vivide rappresentazioni della società del suo tempo, descrivendo i gravi problemi sociali, le debolezze umane, le ostilità politiche e intellettualistiche, i livori personali, i vizi del clero, rivelando una non comune capacità di sintesi poetica, sulla base della quale occorre riconoscere al Proto un posto di rilievo nel panorama della letteratura napoletana, e non solo, dell'Ottocento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/419982
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact