Contro la pretesa meritocratica di "lasciarsi dietro i meno fortunati"