Dal “valore soggettivo” al “bene comune”