"Ragione politica" della comparazione e "costituzionalizzazione" delle tassonomie