Russia, il terrorismo senza terrore