Identità, riconoscimento e comunità 'in contatto': il martirio di Otranto come catarsi di non-violenza