" 'Ma un io che non somiglia più a lui': Debenedetti e l'esplorazione 'destorificante' nel dissimile"