Werner Sombart, il “capitalismo moderno” e il suo “futuro”. Un’ipotesi di lavoro