Il senso di realtà come criterio-limite per un impiego educativo della virtualità