Sulla base dell'esame di alcuni documenti conservati presso la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, l'autore ricostruisce il contenuto del "Vetus Armarium", un deposito di libri ritenuti pericolosi o perché tra quelli dell'indice dei libri proibiti o perché comunque sospetti per le autorità inquisitoriali. In particolare sono esaminati i manoscritti ebraici che, dopo la soppressione del ripostiglio, andarono ad arricchire la collezione dei plutei.

Il «Vetus Armarium» della Medicea Laurenziana e alcuni manoscritti ebraici un tempo in esso racchiusi

LELLI, Fabrizio
1993

Abstract

Sulla base dell'esame di alcuni documenti conservati presso la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, l'autore ricostruisce il contenuto del "Vetus Armarium", un deposito di libri ritenuti pericolosi o perché tra quelli dell'indice dei libri proibiti o perché comunque sospetti per le autorità inquisitoriali. In particolare sono esaminati i manoscritti ebraici che, dopo la soppressione del ripostiglio, andarono ad arricchire la collezione dei plutei.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11587/371318
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact