Edgar Allan Poe: per una morfologia dell'irrazionale.