Un inedito strambotto campano dell’ultimo quinquennio del secolo XV, in «Quaderni di filologia e letteratura siciliana»