Il narratore spettatore della storia. Note sull’«Amulett» di Conrad Ferdinand Meyer