L’articolo mette in luce, per la prima volta negli studi danteschi, alcune importanti intertestualità, entro la “Commedia”, dal “De miraculis” di Pietro il Venerabile (di tradizione limitata in Italia ma che Dante deve aver conosciuto per il tramite dell’amicizia palesata verso Pietro e dei riferimenti a questi contenuti nelle lettere di san Bernardo), con particolare riguardo alla demonologia esposta nella suddetta raccolta del cluniacense. Evidenti e notevoli appaiono le affinità con alcuni luoghi dell’”Inferno” dantesco, tra gli altri in particolare col canto di Ciacco, coi canti di Malebolge, con quello degli ipocriti (e qui l’analisi si sviluppa, per il motivo della “tarnkappe”, anche attraverso il confronto con un passo celebre, eppure finora non fruito dai dantisti, della “Historia ecclesiastica” di Orderico Vitale), con la scena che ha a protagonista Buoso da Duera e, soprattutto, con l’episodio della contesa fra il diavolo e san Francesco per l’anima di Guido da Montefeltro, per il quale l’autore reca anche a sussidio prove d’intertesualità con la vita di san Furseo, col “Dialogus miraculorum” di Cesario di Heisterbach e con la “Cronaca” cassinese.

Da Pietro il Venerabile a Dante (per Guido, Ciriatto, Catalano, Buoso e altri)

PUCCETTI, Valter Leonardo
2007

Abstract

L’articolo mette in luce, per la prima volta negli studi danteschi, alcune importanti intertestualità, entro la “Commedia”, dal “De miraculis” di Pietro il Venerabile (di tradizione limitata in Italia ma che Dante deve aver conosciuto per il tramite dell’amicizia palesata verso Pietro e dei riferimenti a questi contenuti nelle lettere di san Bernardo), con particolare riguardo alla demonologia esposta nella suddetta raccolta del cluniacense. Evidenti e notevoli appaiono le affinità con alcuni luoghi dell’”Inferno” dantesco, tra gli altri in particolare col canto di Ciacco, coi canti di Malebolge, con quello degli ipocriti (e qui l’analisi si sviluppa, per il motivo della “tarnkappe”, anche attraverso il confronto con un passo celebre, eppure finora non fruito dai dantisti, della “Historia ecclesiastica” di Orderico Vitale), con la scena che ha a protagonista Buoso da Duera e, soprattutto, con l’episodio della contesa fra il diavolo e san Francesco per l’anima di Guido da Montefeltro, per il quale l’autore reca anche a sussidio prove d’intertesualità con la vita di san Furseo, col “Dialogus miraculorum” di Cesario di Heisterbach e con la “Cronaca” cassinese.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/109360
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact