E' una lettura formalistica di una raccolta-chiave nell'opera di Cattafi, che fa emergere una furia associazionistica, in quella poesia, assata sul disordinamento del luogo comune, sulla decomposizione del «poncif», tramata da immagini di violenza virtuale e disinnescata, con autoironia stralunata. Vi si illustra come la tòpica della macchina, delle lame, dei roncigli, le fantasie inorganiche e metalliche evochino una volontà di rottura di un'immobilità e di un vuoto avvertiti come, di volta in volta, metafisici o gravidi di cattiva coscienza.

Lettura de "L'osso, l'anima" di Bartolo Cattafi

PUCCETTI, Valter Leonardo
1996

Abstract

E' una lettura formalistica di una raccolta-chiave nell'opera di Cattafi, che fa emergere una furia associazionistica, in quella poesia, assata sul disordinamento del luogo comune, sulla decomposizione del «poncif», tramata da immagini di violenza virtuale e disinnescata, con autoironia stralunata. Vi si illustra come la tòpica della macchina, delle lame, dei roncigli, le fantasie inorganiche e metalliche evochino una volontà di rottura di un'immobilità e di un vuoto avvertiti come, di volta in volta, metafisici o gravidi di cattiva coscienza.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/109295
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact