Sulla scorta dei «Discorsi dell'arte poetica» e delle lettere del Tasso ai corrispondenti e correttori nel periodo di rielaborazione e correzione della «Liberata», lo scrivente fornisce una lettura del poema tassiano come assato su una poetica aristotelica aggiornata al principio dell'unità nella varietà, onde amori e incantagioni (il «meraviglioso») non sono intesi dal Tasso come svaghi o riposi dall'azione principale ma come ostacoli formativi di essa.

L'utopia difficile nella 'favola' della "Liberata"

PUCCETTI, Valter Leonardo
1980

Abstract

Sulla scorta dei «Discorsi dell'arte poetica» e delle lettere del Tasso ai corrispondenti e correttori nel periodo di rielaborazione e correzione della «Liberata», lo scrivente fornisce una lettura del poema tassiano come assato su una poetica aristotelica aggiornata al principio dell'unità nella varietà, onde amori e incantagioni (il «meraviglioso») non sono intesi dal Tasso come svaghi o riposi dall'azione principale ma come ostacoli formativi di essa.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/109288
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact