Un'altra conferma dell'inesistenza di un diritto soggettivo dei singoli alla diffusione di informazioni da parte della società concessionaria del pubblico servizio