La "decontestualizzazione" americana del giardino italiano