LIBERTA' E RETE: UN'UTOPIA "AMERICANA"?