Una lavagna cremonese del Cinquecento