Inediti campeschi tra ‘vero’ e ‘maniera’