Appunti sulla fortuna visiva degli ‘eccentrici’ cremonesi