Commento all'art. 3 della l. n. 266/1991