Duplicazioni «discutibili» dei danni permanenti