I media e la guerra: dalla spettacolarità alla tragedia