Il saggio esamina le nuove modalità di appropriazione e distribuzione dell'informazione da parte del pubblico di massa a partire dalla strage terrorista/fondamentalista in Spagna dell'11 marzo 2004, di cui era stata attribuita la paternità - da parte del governo di José Maria Aznar - all'Eta, a pochi giorni dalle elezioni politiche nazionali. A partire da un esame critico dell'accaduto, lo scritto sviluppa un ragionamento che punta a trattare non solo le novità dell'uso dei messaggi via telefono cellulare come fonte informativa alternativa, ma anche la sempre più urgente necessità di investigare i rapporti tra verità mediatica e verosimiglianza dei messaggi comunicativi.

Spagna,11 marzo: voglia di verità

CRISTANTE, Stefano
2004

Abstract

Il saggio esamina le nuove modalità di appropriazione e distribuzione dell'informazione da parte del pubblico di massa a partire dalla strage terrorista/fondamentalista in Spagna dell'11 marzo 2004, di cui era stata attribuita la paternità - da parte del governo di José Maria Aznar - all'Eta, a pochi giorni dalle elezioni politiche nazionali. A partire da un esame critico dell'accaduto, lo scritto sviluppa un ragionamento che punta a trattare non solo le novità dell'uso dei messaggi via telefono cellulare come fonte informativa alternativa, ma anche la sempre più urgente necessità di investigare i rapporti tra verità mediatica e verosimiglianza dei messaggi comunicativi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/107550
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact