Il cinema dopo le riforme: il caso è chiuso?