Oggetto del saggio è la confutazione di una nota di A. Leone (Lingua Nostra, vol. LXVI [2005], pp. 45-47) al contributo «Cosa fatta capo ha. Origine e storia della locuzione» (Lingua Nostra, vol. LXV [2004], pp. 73-82. Nel lavoro in oggetto si ribadisce la necessità di interpretare organicamente e in base a criteri di coerenza la scripta dei testi medioevali.

Ancora (per la terza volta) sulla locuzione Cosa fatta capo ha

COLUCCIA, Chiara
2005

Abstract

Oggetto del saggio è la confutazione di una nota di A. Leone (Lingua Nostra, vol. LXVI [2005], pp. 45-47) al contributo «Cosa fatta capo ha. Origine e storia della locuzione» (Lingua Nostra, vol. LXV [2004], pp. 73-82. Nel lavoro in oggetto si ribadisce la necessità di interpretare organicamente e in base a criteri di coerenza la scripta dei testi medioevali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/106961
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact