‘Continuità’ e ‘visibilità’. Premesse per una discussione sul paesaggio antico